Tronchetto di Natale (di Federico)

E’ Natale, tempo di luci, allegria, dolci (ovviamente) e di tempo trascorso in famiglia, così Federico ed io ci siamo dedicati a preparare i dolci di Natale tipici della tradizione napoletana come roccocò, struffoli, mustaccioli, pasta di mandorla e cassata. Federico ama però molto decorare i dolci perché per lui è un po’ come colorare, dare sfogo alla sua creatività e così oggi abbiamo preparato un tronchetto di Natale che ha decorato completamente lui! Il tronchetto o buche de noel è un dolce tipico della pasticceria francese ma è oramai parte integrante anche della nostra tradizione. Io lo preparo con un biscuit semplice, farcito di crema pasticciera al cioccolato e ricoperto di crema al burro al cacao o di ganache.

tronchetto di Natale

Dosi: 8 persone
Tempo: 1 h
Difficoltà: facile

Ingredienti
per il biscuit
5 uova
120 gr farina 00
120 gr di zucchero semolato
per la crema pasticciera
3 uova
1/2 lt di latte intero
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di Maizena (amido di mais)
50 gr cioccolato fondente
Per la crema al burro
150 gr di burro
300 gr di zucchero a velo
2 cucchiai di acqua calda
2 cucchiai colmi di cacao amaro
per le decorazioni
codine di cioccolato, confettini, ciliegine e qualsiasi cosa vi possa piacere!

Procedimento

1) Iniziamo con la crema pasticciera. In una pentola dal fondo spesso, montate con una frusta,  i tuorli con i 3 cucchiai di zucchero, aggiungete quindi le farine setacciate continuando a girare, accendete il fuoco (una fiamma molto bassa) e aggiungete il latte caldo. Continuate a girare la crema con la frusta in modo che non si formino grumi (dal centro verso l’esterno, sempre nello stesso verso…vecchio. insegnamento che non abbandono mai). Quando la crema inizia a bollire un po’ girate un altro paio di minuti (per far cuocere la farina), aggiungete il cioccolato a pezzetti, fatelo sciogliere e spegnete. Coprite la crema con della pellicola in modo che non si formi una crosta di crema dura in superficie.

2) Prepariamo il biscuit. Montate nella planetaria con la frusta,  gli albumi a neve ferma, aggiungendo quando sono già montati lo zucchero, fino a farlo assorbire completamente in modo da ottenere una meringa molto soda e lucida.
Aggiungete quindi, i tuorli amalgamando dal basso all’alto delicatamente con una spatola o un cucchiaio, in modo da incorporare aria e non far smontare gli albumi.
In ultimo aggiungete la farina ben setacciata amalgamando ancora con calma dal basso all’alto.
Versate l’impasto in una teglia quadrata di 40 cm di lato , foderata di carta forno e infornate in forno caldo a 200° ventilato (elettrico) o a livello 4 (a gas). Lasciate cuocere circa 10 minuti.

3) Quando il biscuit è ancora tiepido, staccatelo dalla carta forno e farcitelo con la crema pasticciera, stendendo la base su tutta la superficie lasciando liberi solo i bordi per un cm circa. Arrotolate quindi il biscuit in modo che raffrenandosi mantenga la forma.

4) Per la crema al burro, dovreste semplicemente montare in un frullatore il burro morbido con lo zucchero a velo e l’acqua calda per circa 10 minuti fino ad ottenere un composto spumoso, aggiungete in ultimo il cacao e continuate a montare fino a quando non sarà assorbito.

5) Assemblate il tronchetto. Tagliate il rotolo in due parti non della stessa misura e praticando un taglio diagonale. Unite le due parti in modo da formare un “tronco” spezzato, ricopritelo con la crema al burro e quindi decoratelo come preferite. Federico ha praticato dei solchi per riprodurre la corteccia di un tronco e poi ha dato sfogo alla sua fantasia. Tenete in frigo almeno un’ora prima di mangiarlo.

Annunci

Crostata con pan di spagna e crema al cioccolato

Una crostata che assomiglia ad una torta! Sembra complessa per la quantità di ingredienti che servono ma io in genere la preparo quando mi rimane della crema pasticciera o del pan di spagna. Nella ricetta ho indicato il procedimento completo ma potete effettivamente utilizzare le rimanenze di qualche torta precedente. Quando preparo le torte decorate con pasta di zucchero ad esempio preparo sempre troppa crema e pan di spagna molto grandi da cui ritagliare le forme che mi servono e appunto con ciò che mi rimane preparo biscotti all’amarena o una crostata del genere o ancora un bel tiramisù. potete variare il gusto a vostro piacimento o in base a ciò che vi ritrovate in casa, sostituendo ad esempio la cioccolata con la marmellata. A voi la scelta e la fantasia

crostata cioccolato e panna

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla
1 pan di spagna da 24 cm (vedi sotto)
200 ml di panna
2 cucchiai di cacao
200 ml di bagna (200 ml di acqua, 3 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di rum o altro liquore a scelta)
crema pasticciera (vedi sotto)
per il pan di spagna
4 uova
120 gr farina 00
120 gr di zucchero
per la crema pasticciera
3 uova
1/2 lt di latte intero
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di Maizena (amido di mais)
50 gr cioccolato fondente

200 gr di crema spalmabile alla gianduja (tipo nutella)

200 ml di panna per dolci

Procedimento
Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite.

Per il pan di spagna e la crema pasticciera usate la vostra ricetta o le mie che trovate qui.

1) Stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite una teglia da 26 cm imburrata.

2) Forate la frolla con un forchetta, versateci la crema pasticciera al cioccolato, il disco di pan di spagna tagliato a metà e bagnato con una bagna a vostro piacimento (io in genere ne uso una aromatizzata al rum con la cioccolata) e sopra la crema giandujia (eventualmente risultasse troppo denza scioglietela a bagnomaria o nel microonde).

3) Coprite la crostata con della carta argentata e infornate in forno caldo statico a 180° (elettrico) o a livello 3 (a gas) per circa 25/30 minuti.

4) Una volta pronta lasciarla raffreddare e spolverare con zucchero a velo o come ho fatto io con panna montata e cacao in polvere.

torta crostata fette

Torta bicolore con profitteroles

Non sapevo come chiamare questa torta molto carina, e molto gustosa che ho fatto tempo fa, e così ho scritto semplicemente quella che è: una torta bicolore con i profitteroles, spero perdonerete la mia poca fantasia smile

torta tagliata

La Torta è costituita da due semplici pan di spagna, uno chiaro ed uno al cacao, farcita con crema pasticciera al cioccolato e crema al burro, ricoperta di panna, e sormontata da una montagna di profitteroles alla panna, ricoperti di una squisita salsa al cioccolato.

Dosi: 10 persone

Tempo: 2 ore e 30′ (più o meno!)

Difficoltà: media

Ingredienti
per il pan di spagna chiaro
5 uova
150 gr farina 00
140 gr di zucchero
per il pan di spagna al cacao
5 uova
150 gr farina 00
140 gr di zucchero
2 cucchiai di cacao amaro
2 cucchiaini di lievito per dolci
per la crema pasticciera
3 uova
1/2 lt di latte intero
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di Maizena (amido di mais)
50 gr cioccolato fondente
Per la crema al burro
100 gr di burro
200 gr di zucchero a velo
per la bagna
1/2 lt acqua
4 cucchiai di zucchero
1 bicchierino di rum (o liquore a piacere)
Per la pasta choux (bigne)
1.5 dl di acqua
50 gr di burro
65 gr di farina 00
1 cucchiaio di zucchero
2 uova
Per la salsa al cioccolato
300 ml di latte intero
1 noce di burro
50 gr di cioccolato fondente
50 gr di cacao amaro
2 cucchiai di farina
100 gr di zucchero

pan di spagna

cerchi

assemblaggio

Procedimento
1) Iniziamo con i due pan di spagna. Potete ovviamente usare le vostre ricette o seguire la mia se preferite. Io preparo i due pan di spagna insieme separandoli solo alla fine prima di infornarli.
Montate nel frullatore,  gli albumi a neve ferma, aggiungendo quando sono già montati metà dello zucchero. tenete da parte.
Montate quindi, i tuorli con il resto dello zucchero, fino ad ottenere una crema chiara e spumosa con lo zucchero completamente sciolto. Aggiungete i tuorli agli albumi, quindi unite la farina setacciata e mescolate delicatamente per non fa smontare gli albumi.
Versate ora metà dell’impasto in una teglia tonda da 24 cm, nell’altra metà aggiungete il cacao e il lievito setacciati, amalgamate e versate in una ‘altra teglia di apri diametro.
Infornate i pan di spagna in forno caldo,  a 180° ventilato (elettrico) o a livello 3 (a gas). Lasciate cuocere circa 30 minuti e dopo la prova stecchino, lasciate raffreddare nel forno aperto.

2) Preparate la crema pasticciera. (sempre usando la vostra ricetta se preferite). In una pentola dal fondo spesso, montate con una frusta,  i tuorli con i 3 cucchiai di zucchero, aggiungete quindi le farine setacciate continuando a girare, accendete il fuoco (una fiamma molto bassa) e aggiungete il latte caldo. Continuate a girare la crema con la frusta in modo che non si formino grumi (dal centro verso l’esterno, sempre nello stesso verso…vecchio. insegnamento che non abbandono mai). Quando la crema inizia a bollire un po’ girate un altro paio di minuti (per far cuocere la farina), aggiungete il cioccolato a pezzetti, fatelo sciogliere e spegnete. Coprite la crema con della pellicola in modo che non si formi una crosta di crema dura in superficie.

3) Preparate i bigne. Per la pasta choux, usate una pentolina da fondo spesso in cui verserete l’acqua e il burro facendolo scioglere a fiamma media, aggiungete lo zucchero e la farina tutta insieme. Togliete da fuoco, continuate a girare  e poi rimettete l’impasto sul fuoco continuando ad amalgamare fino a quando l’impasto non si staccherà dalle pareti e sarà diventato abbastanza corposo. Lasciate raffreddare (intanto preparate la crema al burro) e una volta freddo, aggiungete all’impasto le uova, una alla volta, fatele assorbire amalgamando con un cucchiaio di legno o silicone e poi aggiungete la successiva. Mettete l’impasto in una sac à poche con un beccuccio liscio (ma anche a stella se vi piace di più) abbastanza largo, ungete di burro la placca del forno (oppure usate della carta forno) e formate dei ciuffetti di pasta rotondi. Fate cuocere i bignè per 15 minuti a 220° in forno statico (tenete la temperatura a 200° con forno ventilato e a livello 3 se è a gas) evitando di aprire il forno durante la cottura. Dopo i primi 15 minuti abbassate la temperatura a 190° e cuocete la pasta choux  per altri 10 minuti, trascorsi i quali potete spegnere il forno e lasciare all’interno i bignè per altri 10-15 minuti con lo sportello leggermente aperto per  fare asciugare bene l’interno dei bignè. Una volta freddi farciteli con la panna montata.

4) per la crema al burro, dovreste semplicemente montare in un frullatore il burro morbido con lo zucchero a velo per qualche minuto fino ad ottenere un composto spumoso.

5) Preparate la salsa al cioccolato. In una pentola dal fondo spesso mettete la farina, lo zucchero ed il cacao setacciati, aggiungete lentamente il latte mescolando (in modo da far sciogliere gli ingredienti secchi senza far formare grumi) e mettete sul fuoco. lasciate cuocere fino a che la salsa non si sarà addensata e aggiungete quini il cioccolato fondente spezzettato e il burro. Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare a temperatura ambiente.

6) Assemblate la torta. lo Tagliate i due pan di spagna in due dischi e poi ogni disco, con degli anelli di diversi diametri in modo da ottenere alla fine 6 anelli! (3 bianchi e 3 neri). alternate gli anelli bianchi con quelli neri in modo da ricostruire i dischi. bagnateli (con la bagna già fredda) e alternate un disco con l’esterno bianco con uno con l’esterno al cacao e così via. Farcite la torta con la crema al burro su di uno strato e la crema pasticciera sull’altro in modo da avere diverse consistenze e sapori per ogni boccone. Ricoprite la torta con della panna montata, decorate con i bigne alla panna e ricoprite il tutto con la salsa al cioccolato. Tenete in frigo almeno un’ora prima di mangiarla.

E’ davvero buona e divertente.

torta

fetta

Torta “ortensie”

Il mio giardino inizia a riempirsi di ortensie, ho un’aiulo sotto il limone dove i cespugli sono rigoglioso e ne fioriscono di ogni colore. Così ho pensato di preparare una torta dedicata a loro. In realtà è un semplice pan di spagna con crema alle fragoline e ricoperta di crema al burro ma è di grande effetto e saporita.

torta ortensia

Dosi: 6 persone

Tempo: 60′ più 60′ di cottura per il pan di spagna e la crema

Difficoltà: media

Ingredienti
Per il pan di spagna
150 gr farina 00
150 gr zucchero
5 uova
per la crema
2 tuorli
2 cucchiai di zucchero
1 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di maizena
250 ml di latte
un limone non trattato
125 ml di panna fresca
fragoline di bosco a piacere
per la crema al burro
250 gr di zucchero a velo
125 gr di burro o margarina
coloranti naturali per dolci
vaniglia

Procedimento

1) preparate il pan di spagna: Nel frullatore montate i tuorli a neve ben ferma e aggiungete quindi, sempre mescolando, metà dello zucchero fino a farlo sciogliere bene. Tenete gli albumi da parte e montate i tuorli con il restante zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungente quindi la farina setacciata e gli albumi mescolando con una spatola dall’alto al basso in modo da non far smontare l’impasto. versatelo in una teglia tonda da 24 cm precedentemente imburrata e infornate la torta in forno caldo elettrico a 180° (a gas livello 3)  per 10 minuti, quindi passate alla funzione ventilato e cuocete altri 20 min. circa.

2) Lasciate raffreddare la torta e preparate la crema pasticciera come spiegato qui. Quando sarà fredda aggiungete le fragoline di bosco lasciando che si amalgamino alla crema senza bisogno di frullarle. Aggiungete infine la panna montata e lasciate in frigorifero.

3) preparate la bagna confacendo bollire per alcuni minuti acqua zucchero e aromatizzate (una volta fredda) con del limoncello o fragolino.

4) La crema al burro. Montate in un frullatore il burro ammorbidito e tagliato a tocchetti con lo zucchero a vello fino ad ottenere un impasto spumoso e soffice che dividerete in 4 contenitori per poterla colorare con le diverse sfumature di rosa e azzurro che richiamano i colori delle ortensie.

5) Montate la torta, dividete in due dischi il pan di spagna, bagnatelo con lo sciroppo di acqua zucchero e il liquore scelto, farcitela con la crema alle fragoline e ponetevi sopra il secondo disco (nel caso il pan di spagna vi sia venuto molto alto e la crema è tanta potete dividerlo in tre dischi e avrete una torta ancora più ricca!). Non dovendo fare una decorazione liscia potete lasciare i dischi anche di forma irregolare senza dover rifinire i bordi.

Iniziate quindi a decorarla usando la crema a burro ed una bocchetta per la saccapoche del tipo a petalo (di cui vi posto la foto) facendo 4/5 petali per ogni fiore e giocando sulle sfumature di colori.

beccuccio

Buon divertimento e buon appetito (ricordate di metterla a riposare almeno un’oretta in frigorifero prima di servirla).

torta ortensia2

Zeppole di San Giuseppe

San Giuseppe uguale festa del papà e…zeppole. Non potevo esimermi dal pubblicare la mia ricetta, al volo, senza molto tempo onestamente ma almeno la giornata non è ancora passata.

zeppole

Dosi: 6 persone

Tempo: 60′

Difficoltà: media

Ingredienti 
Per la crema pasticciera
250  ml di latte
2 tuorli
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina (o 1 cucchiaio di farina e uno di maizenza)
un limone non trattato (la buccia)

Per le zeppole
2 uova
150 ml di acqua
50 gr burro
80 gr di farina 00

amarene sciroppate

Procedimento

1) Iniziate preparando la crema pasticcera. In un tegame montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete sempre amalgamando  la farina setacciata, in modo da evitare grumi, ed infine il latte riscaldato con le bucce del limone. Fate cuocere quindi la crema, a fuoco lento, fino a che non inizia a bollire e a quel punto spegnete eliminate le bucce di limone e copritela con una pellicola in modo da evitare che si formi uno strato duro in superficie.

2) Preparate, quindi, la pasta per le zeppole. In un tegame fate bollire l’acqua con il burro, aggiungete quindi la farina setacciata (60 gr) e mescolate facendo cuocere a fuoco lento qualche minuto, finché l’impasto non si stacca dalle pareti della pentola. Lasciatelo intiepidire e unite quindi le uova, uno alla volta, facendole assorbire molto bene prima di aggiungere la successiva e infine il resto della farina.

3) Trasferite il composto ottenuto in una sac-à-poche con bocchetta stellata. Create quindi le zeppole con dei movimenti a spirale o direttamente sulla teglia del forno imburrata o su dei quadrati di carta forno nel caso vogliate friggerle. Per le dimensioni lasciatevi guidare dal gusto!

4) Infornate le zeppole in forno caldo statico a 180° (elettrico) o a livello 2,5 (a gas) per circa 20 minuti. Si gonfieranno e assumeranno un bel colore dorato.

5) Nel caso vogliate friggerle, in n un tegame dal bordo alto, ponete dell’olio per friggere. Quando l’olio avrà raggiunto la temperatura ideale (non troppo bollente), immergete non più di 1-2 zeppole ancora attaccate ai quadrati di carta forno  sulle quali sono appoggiate; la carta si staccherà da sola dopo qualche secondo  e  potrete quindi toglierla dall’olio. Rigirate le zeppole più volte nell’olio caldo fino alla completa doratura, quindi sgocciolatele con una schiumarola e ponetele su della carta assorbente.

6) Decorate le zeppole con la crema pasticcera e le amarene sciroppate, e cospargetele di zucchero a velo.

zeppolemini

Torta maialini

Pan di spagna con crema a vaniglia ricoperta di nutella e circondata di biscotti al cioccolato. Maialini in pasta di zucchero

Crostatine di San valentino

E’ San valentino, e non potevo esimermi dal pubblicare una ricetta veloce per chi volesse cimentarsi con cuori e passioni… Non ho tempo di inserire molte ricette o preparazioni complicate perchè sono a lavoro ma almeno una ricettina veloce veloce e molto saporita non potevo evitarla. Le crostate sono una mia passione, anzi la pasta frolla in generale, i biscotti, le cheese cake con base di frolla e così via.

I cuori che vi posto sono crostatine con crema al limone e frutti di bosco cotti con uno squisito di sciroppo di zucchero di canna e rum che rendono ogni  morso una sorpresa dolce e avvolgente.

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla (per la ricetta leggete qui)
250  ml di latte
2 tuorli
2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di farina

un limone non trattato (la buccia)

300 gr di frutti di bosco misti (visto il periodo io uso quelli surgelati che sono ottimi)

1 bicchierino di rum

3 cucchiai di zucchero grezzo di canna (al solito io prediligo la qualità Demerara)

fragoline di bosco in alternativa ai frutti di bosco

Procedimento

Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite e lasciatela riposare in frigo. Se decidete di aumentare la dosa per fare una crostata grande invece di due uova usate un uovo intero ed un tuorlo.

Per la crema, in un tegame montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete sempre amalgamando  la farina setacciata, in modo da evitare grumi ed infine il latte riscaldato con le bucce del limone. Fate cuocere quindi la crema, a fuoco lento, fino a che non inizia a bollire e a quel punto spegnete eliminate le bucce di limone e copritela con una pellicola in modo da evitare che si formi uno strato duro in superficie.

Preparate, quindi, i frutti di bosco, metteteli (ancora surgelati se non li avete trovati freschi) in una padella antiaderente (quelle con il rivestimento in ceramica sono perfette) cospargeteli di zucchero di canna e irrorateli con il rum. Lasciate che si sciolga lo zucchero, a fiamma bassa, e che si crei uno sciroppo denso, ci vorranno circa 5 minuti.

A questo punto stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite le formine a cuore (se le avete) o una teglia grande imburrata. Forate la frolla con un forchetta, versateci un po’ di crema, e infornate in forno caldo statico a 170° (elettrico) o a livello 2,5 (a gas) per circa 50 minuti. Una volta pronte ricoprirle con i frutti di bosco e il loro sciroppo, quindi lasciarle raffreddare servite in un’atmosfera romantica.

San Velentino

Consiglio: potete sostituire i frutti di bosco con delle fragoline fresche

crostatine fragoline