Pane integrale alle noci

Sapete che oramai mi diletto a fare il pane con la pasta madre è una bella soddisfazione, risulta saporito e molto leggero e digeribile. Il mio tipo di pane preferito è con la farina integrale, e ho provato diverse varianti, da quello classico, al muesli e questo è con noci e uvetta che mi piace tantissimo. Perfetto con i salumi e i formaggi accompagnato da un buon vino rosso… insomma forse siamo fuori periodo ma io la ricetta la posto lo stesso.

Pane alle noci
Pane alle noci

Dosi: 8 persone
Tempo: 30′ più 18 ore di lievitazione e 60′ di cottura
Difficoltà: facile

Ingredienti
250 gr farina 00
500 gr farina integrale di grano tenero
250 gr di pasta madre matura
1/2 lt acqua
10 gr di miele
20 gr di sale
100 gr di gherigli di noci
un pugno di uvetta

Procedimento
1) Fate un impasto con  farina, metà quantità di acqua  e il lievito madre, lavorandoli bene fino a quando non saranno perfettamente amalgamati.
Io inizio il pomeriggio del sabato per infornare la mattina del giorno dopo molto presto.
Lasciare l’ impasto nella stessa ciotola dove lo abbiamo lavorato, solo coperta da pellicola per circa 30 minuti.

2) Riprendiamo ad impastare ed aggiungiamo la parte di acqua rimasta, il miele, il sale, le noci e l’uvetta. Terminato di impastare, prendiamo l’impasto e lo lasciamo riposare per  qualche ora (circa 4) coperto da un canovaccio in un luogo caldo e chiuso (io l’ho lasciato nel forno).

3) La sera facciamo le forme che preferiamo, pagnotte, filoni, ecc e li lasciamo lievitare a 28 gradi per tutta la notte  (io l’ho messi di nuovo in forno).

4) la mattina dopo siete pronti ad infornare. Riscaldate il forno e inserite una teglia piccola con circa 1/2 lt di acqua. Infornate a 220 gradi nel forno elettrico (forno statico)  o livello 4 per il forno a gas, e dopo qualche minuto abbassiamo la temperatura a  180 gradi (o livello 3 per il forno a gas) e la lasciamo così fino a completamento della cottura (orientativamente 40 minuti).

Consiglio: I tempi indicati sono per una lavorazione invernale con temperature basse, se pensate di provarci in questo periodo (piena estate!) dovete dimezzare i tempi di lievitazione e infatti io inizio in tarda mattinata e la sera inforno.

Pane segale e muesli

Ancora esperimenti con la pasta madre che mi ha regalato Giovanna e che continuo a curare con attenzione e affetto!

Ho trovato una ricetta di pane di segale al muesli appena dolce per la presenza di un po’ di miele e del muesli, ottimo sia con formaggi e salumi che con la marmellata! A casa lo hanno divorato…

pane al muesli

Dosi: 8 persone

Tempo: 30′ più 18 ore di lievitazione e 50′ di cottura

Difficoltà: facile

Ingredienti
300 ml di acqua
100 g di pasta madre matura
250 g di farina di frumento tipo 0
250 g di farina di segale
15 g di sale
200 g di muesli (con uva sultanina)
15 gr di miele

Procedimento
Fate un impasto sciogliendo prima il lievito madre con l’acqua, quindi aggiungere il miele e la farina, il sale e il muesli. lavorare bene l’impasto fino a quando non sarà ben amalgamato liscio e incordato.
Lasciare l’ impasto nella stessa ciotola dove lo abbiamo lavorato, solo coperta da pellicola per circa 3 ore.
Terminata la prima lievitazione, prendiamo l’impasto lo reimpastiamo e lo lasciamo poi riposare per  tutta la notte coperto da un canovaccio umido in un luogo caldo e chiuso (io l’ho lasciato nel forno).
La mattina dopo dividiamo l’impasto in 4 parti, facciamo delle pagnotte e lasciamole lievitare a per circa 3 ore (io l’ho messi di nuovo in forno ma con lucina accesa).
Riscaldate il forno e inserite una teglia piccola con circa 1/2 lt di acqua.

Bagniamo la superficie delle pagnotte e distribuiamoci sopra altro muesli, Inforniamo a 220 gradi nel forno elettrico (forno statico)  o livello 3 per il forno a gas, e dopo qualche minuto abbassiamo la temperatura a  210 gradi (o livello 2,5 per il forno a gas) e la lasciamo così fino a completamento della cottura (orientativamente 50 minuti).

Consiglio: per rendere il pane un po’ più dolce e morbido potete aggiungere all’impasto due mele tagliate a dadini piccoli.

DSC_9061

Pane integrale

Doveva capitare anche a me! mi hanno regalato della pasta madre…e quindi ho iniziato ad usarla con ciò che preferisco: il pane!
Ho provato prima il pane integrale perché mi piace molto, perchè Federico è a dieta  ed avevo della farina da usare.
Onestamente sono molto soddisfatta del risultato è molto piaciuto, dura tranquillamente un paio di giorni senza perdere freschezza e sapore (in realtà la prima pagnotta l’abbiamo divorata, ma appena sfornata come resistere?)
Io ho fatto prima una prova e poi ne ho infornati direttamente 8 pagnotte che ho poi surgelato visto che durante la settimana mi risulta difficile dedicarmi ad una preparazione tanto lunga e anche scongelato il pane era ancora molto buono.

Pane integrale

Dosi: 8 persone
Tempo: 30′ più 18 ore di lievitazione e 60′ di cottura
Difficoltà: facile

Ingredienti
250 gr farina 00
500 gr farina integrale di grano tenero
250 gr di pasta madre matura
1/2 lt acqua
10 gr di miele
20 gr di sale

Procedimento
Fate un impasto con  farina, metà quantità di acqua  e il lievito madre, lavorandoli bene fino a quando non saranno perfettamente amalgamati.
Lasciare l’ impasto nella stessa ciotola dove lo abbiamo lavorato, solo coperta da pellicola per circa 30 minuti.
Riprendiamo ad impastare ed aggiungiamo la parte di acqua rimasta, il miele e il sale.
Terminato di impastare, prendiamo l’impasto e lo lasciamo riposare per  tutta la notte coperto da un canovaccio in un luogo caldo e chiuso (io l’ho lasciato nel forno).
La mattina dopo facciamo le forme che preferiamo, pagnotte, filoni, ecc e li lasciamo lievitare a 28 gradi per circa 4 ore (io l’ho messi di nuovo in forno ma con lucina accesa).
Riscaldate il forno e inserite una teglia piccolo con circa 1/2 lt di acqua.

Inforniamo a 220 gradi nel forno elettrico (forno statico)  o livello 3 per il forno a gas, e dopo qualche minuto abbassiamo la temperatura a  210 gradi (o livello 2,5 per il forno a gas) e la lasciamo così fino a completamento della cottura (orientativamente 50 minuti).

pane integrale

Piadine “napoletane”

Pizze e lievitati mi stregano, ai dolci resito, li preparo con cura ed amore ma evito di mangiarne troppi, con la pizza non resisto. Le piadine “napoletane” sono una variante delle pizzette che abbiamo inventato per degli aperitivi e credo siano davvero saporite e appetitose e quindi da riprovare. Buon appetito

logo cuoco

Tempo: 4 ore (compresi i tempi di lievitazione e cottura)

Difficoltà: media

Dosi: 8 persone

Ingredienti

Impasto pizza (insaporito)
250 ml acqua naturale
13 gr lievito di birra (1/2 dado)
3 cucchiaini da caffè di sale
1 cucchiaino da caffè di zucchero
1 cucchiaino di strutto
500 gr farina 00

Ripieno 
2 salsicce di maiale
4 fasci di friarielli (broccoletti)
1 spicchio di aglio
1 peperoncino

Procedimento
Per il procedimento dell’impasto andate alla mia ricetta dei grissini che è qui.  quando l’impasto è lievitato, dividetelo in panetti da 30 gr., formate delle palline e lasciatele lievitare in una teglia unta di olio, in un luogo caldo (anche nel forno spento), per un’ora.

Mentre l’impasto lievita, preparate il ripieno. Cuocete le salsicce senza condimento in una padella ampia girandole spesso per non farle bruciare ma senza farle cuocere troppo, lasciatele raffreddare e tagliatele a fettine. Pulite, quindi, la verdura; nella padella dove avete cotto le salsicce, aggiungete un po’ di olio di oliva, l’aglio e il peperoncino fate soffriggere l’aglio, elimitatelo e aggiungete la verdura con un pizzico di sale. Lasciatela cuocere e poi aggiungete le salsicce tagliate a fettina in modo da insaporirle.

Prendete le “palline” di pizza e schiacciatele per ottenere dei dischi non troppo sottili (potete farlo con le mani o aiutandovi con il mattarello) quindi cuoceteli in una padella antiaderente precedentemente riscaldata, a fuoco vivo, girandole una sola volta (in modo da favorirne la lievitazione), appena tiepide farcitele con la verdura e chiudetele con uno stuzzicadenti.

Consiglio:  Io le ho preparate con salsicce e friarielli (broccoletti napoletani soffritti in padella) che sono un tipico piatto della mia terra. Ovviamente voi potete farcirle come volete e anche aumentarne le dimensioni per una cena saporita.

piadine napoletane
piadine napoletane

Grissini rustici piccanti

grissini rustici misti

I grissini rustici, fatti in casa con l’impasto della pizza (qui con dell’aggiunta di strutto che lo rende particolarmente fragrante) sono un gustoso aperitivo adatto ad ogni età e palato. Possono essere semplici, tirati e infornati; farciti con un ripieno di qualsiasi tipo (o quasi!) e anche insaporiti direttamente nell’impasto (dal peperoncino, ad un purè di fave,  olive, nero di seppia, ecc.).
Possono essere preparati in anticipo e quindi pronti da offrire senza dover perdere tempo in cucina all’ultimo minuto.

Ingredienti
Impasto pizza (insaporito)
250 ml acqua naturale
13 gr lievito di birra (1/2 dado)
1 cucchiaini da caffè di sale
1 cucchiaino da caffè di zucchero
1 cucchiaino di strutto
500 gr farina 00
Ripieno piccante
5 pomodori secchi
1 peperoncino piccante forte fresco (o un cucchiaino da caffe di peperoncino tritato)
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
alcuni capperi
Ripieno alle olive
100 gr olive nere di Gaeta o ferrantine (in base al gusto personale)
1 spicchio di aglio scamiciato
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
semi di sesamo; peperoncino in polvere; origano; timo
Procedimento
Poni in una ciotola capiente: acqua, strutto, lievito di birra sbriciolato, sale e zucchero. Amalgama fino a far sciogliere, almeno, sale e zucchero. Aggiungi, quindi, la farina a pioggia, precedentemente setacciata,  continuando ad amalgamare a mano (puoi anche usare un’impastatrice con il gancio a foglia, impastandolo fino a farlo incordare – l’impasto è incordato quando si aggrapperà completamente alla foglia), versa poi, l’impasto su di una spianatoia di legno, o su di un piano di marmo o acciaio, e lavoralo ancora qualche minuto, ribaltandolo ogni tanto fino a che sarà liscio, elastico e semilucido.
A questo punto poni l’impasto nella ciotola unta con un filo di olio, coprendolo con un panno umido e conservalo in un luogo buio ed asciutto per circa 3 ore, fino a quando non avrà almeno raddoppiato il proprio volume.
Prepara intanto i due ripieni, frullando con un frullatore ad immersione tutti gli ingredienti insieme (singolarmente per i due impasti) fino ad ottenere un impasto cremoso ma non troppo liscio. Aggiungi olio per facilitarne l’emulsione se dovesse risultare troppo secco.
Appena l’impasto sarà lievitato, iniziare a preparare i grissini.
Dividi l’impasto in 4 panetti, e per ogni panetto scegli un condimento. Stendi l’impasto con un mattarello, di uno spessore di circa 5 ml, spalma il condimento scelto e quindi taglia a strisce di circa 2 cm di larghezza e 20 di altezza (ovviamente potete cambiare le misure in base al gusto, piacere…). Prendi ogni striscia e arrotola su se stessa tirando anche leggermente per allungarla.
Puoi anche fare delle strisce semplici, ungerle con olio extravergine di oliva e conspargerle con semi di sesamo, pepe, timo, origano, ecc.
Stendi, infine, i singoli grissini così ottenuti su di una teglia da forno leggermente oliata ed inforna in forno caldo per 40 minuti a 160° (forno elettrico ventilato) o a livello 2 (forno a gas, preferibilmente ventilato).Servi i grissini rustici in un bicchiere largo (rock)
Consiglio: puoi unire il peperoncino direttamente all’impasto per renderlo più piccante.
PS: appena li ripreparo farò un paio di foto del procedimento

 con questa ricetta partecipo:

al contest  “BRUCIORE 2012”  e al contest Coccole piccanti al peperoncino

 


www.toscanidasempre.it