Crostata con pan di spagna e crema al cioccolato

Una crostata che assomiglia ad una torta! Sembra complessa per la quantità di ingredienti che servono ma io in genere la preparo quando mi rimane della crema pasticciera o del pan di spagna. Nella ricetta ho indicato il procedimento completo ma potete effettivamente utilizzare le rimanenze di qualche torta precedente. Quando preparo le torte decorate con pasta di zucchero ad esempio preparo sempre troppa crema e pan di spagna molto grandi da cui ritagliare le forme che mi servono e appunto con ciò che mi rimane preparo biscotti all’amarena o una crostata del genere o ancora un bel tiramisù. potete variare il gusto a vostro piacimento o in base a ciò che vi ritrovate in casa, sostituendo ad esempio la cioccolata con la marmellata. A voi la scelta e la fantasia

crostata cioccolato e panna

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla
1 pan di spagna da 24 cm (vedi sotto)
200 ml di panna
2 cucchiai di cacao
200 ml di bagna (200 ml di acqua, 3 cucchiai di zucchero, 2 cucchiai di rum o altro liquore a scelta)
crema pasticciera (vedi sotto)
per il pan di spagna
4 uova
120 gr farina 00
120 gr di zucchero
per la crema pasticciera
3 uova
1/2 lt di latte intero
3 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di farina 00
1 cucchiaio di Maizena (amido di mais)
50 gr cioccolato fondente

200 gr di crema spalmabile alla gianduja (tipo nutella)

200 ml di panna per dolci

Procedimento
Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite.

Per il pan di spagna e la crema pasticciera usate la vostra ricetta o le mie che trovate qui.

1) Stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite una teglia da 26 cm imburrata.

2) Forate la frolla con un forchetta, versateci la crema pasticciera al cioccolato, il disco di pan di spagna tagliato a metà e bagnato con una bagna a vostro piacimento (io in genere ne uso una aromatizzata al rum con la cioccolata) e sopra la crema giandujia (eventualmente risultasse troppo denza scioglietela a bagnomaria o nel microonde).

3) Coprite la crostata con della carta argentata e infornate in forno caldo statico a 180° (elettrico) o a livello 3 (a gas) per circa 25/30 minuti.

4) Una volta pronta lasciarla raffreddare e spolverare con zucchero a velo o come ho fatto io con panna montata e cacao in polvere.

torta crostata fette

Annunci

Crostata con crema di riso e more

Credo sia chiaro che amo la pasta frolla, i biscotti e le crostate e così ieri ho provato una crostata con una deliziosa crema di riso e delle more insaporite di rum e zucchero di canna…devo dire che l’esperimento è riuscito e anche Federico è rimasto contento delle sue mini crostate in cui ho sostituito le more con la cioccolata

crostata riso e more3

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla (per la ricetta leggete qui)
250 ml di acqua
250  ml di latte
200 ml di riso carnaroli
4 cucchiai di zucchero
1 bacca di vaniglia o la buccia grattugiata di un limone non trattato
300 gr di more e ribes (visto il periodo io uso quelle surgelate che sono ottime)
1/2 bicchierino di rum
3 cucchiai di zucchero grezzo di canna (al solito io prediligo la qualità Demerara)

Procedimento
Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite e lasciatela riposare in frigo un’ora almeno prima di utilizzarla. Se decidete di aumentare la dosa per fare una crostata grande invece di due uova usate un uovo intero ed un tuorlo.

Per la crema, mettete in una pentola l’acqua, il latte e il riso e lasciate cuocere dal momento del bollore circa 40′ a fuoco lento.Appena il riso sarà ben cotto e ridotto a crema (aumentate i liquidi se il riso dovesse assorbirne troppi) aggiungete la vaniglia o il limone.

Preparate, quindi, i frutti di bosco, metteteli (ancora surgelati se non li avete trovati freschi) in una padella antiaderente (quelle con il rivestimento in ceramica sono perfette) cospargeteli di zucchero di canna e irrorateli con il rum. Lasciate che si sciolga lo zucchero, a fiamma bassa, e che si crei uno sciroppo denso, ci vorranno circa 5 minuti.

A questo punto stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite la teglia che avete scelto (per questa dose il diametro 26 è perfetto). Forate la frolla con un forchetta e infornate in forno caldo statico a 180° (elettrico) o a livello 3 (a gas) per circa 20 minuti. Una volta che la frolla si è dorata,  ricopritela con la crema di riso e infornate ancora 10 minuti.

Sfornatela,  versateci sopra i frutti di bosco caramellati e lasciate raffreddare prima di servire.

crostata riso e more crostata riso e more2

Crostatine di San valentino

E’ San valentino, e non potevo esimermi dal pubblicare una ricetta veloce per chi volesse cimentarsi con cuori e passioni… Non ho tempo di inserire molte ricette o preparazioni complicate perchè sono a lavoro ma almeno una ricettina veloce veloce e molto saporita non potevo evitarla. Le crostate sono una mia passione, anzi la pasta frolla in generale, i biscotti, le cheese cake con base di frolla e così via.

I cuori che vi posto sono crostatine con crema al limone e frutti di bosco cotti con uno squisito di sciroppo di zucchero di canna e rum che rendono ogni  morso una sorpresa dolce e avvolgente.

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla (per la ricetta leggete qui)
250  ml di latte
2 tuorli
2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di farina

un limone non trattato (la buccia)

300 gr di frutti di bosco misti (visto il periodo io uso quelli surgelati che sono ottimi)

1 bicchierino di rum

3 cucchiai di zucchero grezzo di canna (al solito io prediligo la qualità Demerara)

fragoline di bosco in alternativa ai frutti di bosco

Procedimento

Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite e lasciatela riposare in frigo. Se decidete di aumentare la dosa per fare una crostata grande invece di due uova usate un uovo intero ed un tuorlo.

Per la crema, in un tegame montate i tuorli con lo zucchero, aggiungete sempre amalgamando  la farina setacciata, in modo da evitare grumi ed infine il latte riscaldato con le bucce del limone. Fate cuocere quindi la crema, a fuoco lento, fino a che non inizia a bollire e a quel punto spegnete eliminate le bucce di limone e copritela con una pellicola in modo da evitare che si formi uno strato duro in superficie.

Preparate, quindi, i frutti di bosco, metteteli (ancora surgelati se non li avete trovati freschi) in una padella antiaderente (quelle con il rivestimento in ceramica sono perfette) cospargeteli di zucchero di canna e irrorateli con il rum. Lasciate che si sciolga lo zucchero, a fiamma bassa, e che si crei uno sciroppo denso, ci vorranno circa 5 minuti.

A questo punto stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite le formine a cuore (se le avete) o una teglia grande imburrata. Forate la frolla con un forchetta, versateci un po’ di crema, e infornate in forno caldo statico a 170° (elettrico) o a livello 2,5 (a gas) per circa 50 minuti. Una volta pronte ricoprirle con i frutti di bosco e il loro sciroppo, quindi lasciarle raffreddare servite in un’atmosfera romantica.

San Velentino

Consiglio: potete sostituire i frutti di bosco con delle fragoline fresche

crostatine fragoline

Crostata alle castagne e cacao

L’autunno richiama sapori e profumo di bosco capaci di farci riscoprire molti tesori, quali la verdura e frutta di stagione: zucca, bietole, spinaci, funghi, castagne, uva, cachi, melograni… ai quali non si può assolutamente rinunciare sia per il gusto unico e le infinite possibilità di utilizzo, che per rimettersi in forma.

Io amo le castagne, le caldarroste, i marron glacé, semplicemente bollite, in farina… oggi ho preparato la crostata con crema di castagne e cacao ovviamente per la felicità di Federico.

Ingredienti 
250 gr di pasta frolla
500 gr castagne
150 ml di latte
30 gr di cacao
100 gr di cioccolato fondente
200 gr di zucchero
un cucchiaino da moka di cannella
5 ml di rum
zucchero a velo

Procedimento

Per la pasta frolla seguite la ricetta postata qui, o usate quella che preferite.

Per la crema, sbucciate le castagne e fatele bollire fino a cottura completa. Eliminate quindi, anche la pellicina residua, ponetele in una ciotola capiente, aggiungete tutti gli ingredienti (il cioccolato fondente sciolto a bagnomaria con il latte) e frullate con un frullatore ad immersione o in alternativa nel boccale di un frullatore utilizzando la lama. 

Stendete la pasta frolla in un disco sottile di vostro gusto, io la stendo di uno spessore di circa 0,5 cm e ricoprite una teglia da 26 cm imburrata. Forate la frolla con un forchetta, versateci la crema, coprite con striscioline ottenute dalla frolla, in modo da formare una griglia e porre in forno caldo statico a 170° (elettrico) o a livello 2,5 (a gas) per circa 30 minuti. Una volta pronta lasciarla raffreddare e spolverare con zucchero a velo.

Crostatine con semolino, glassa al cioccolato e nocciole

Avevo voglia di fare della pasta frolla ma a mio figlio non andava di mangiare semplici biscotti o una crumble alle mele (mia scelta iniziale, perchè amo il profumo delle mele e della cannella soprattutto in autunno). Così ho pensato a delle crostatine con una crema al semolino, profumata di vaniglia, ricoperte con glassa di cioccolata fondente e granella di nocciole per contrastare il sapore dolce e la sofficità della crema di semolino.

Crostatine semolino e cioccolato

Ingredienti per la frolla
1 uov0
250 gr farina 00
125 gr burro
125 gr di zucchero semolato
un pizzico di ammoniaca per dolci

Ingredienti per la crema di semolino
1/2 lt di latte
100 gr di semolino
60 gr di zucchero
10 gr di burro
1 uovo
1 pizzico di sale
un cucchiaino di estratto di vaniglia

Ingredienti per la glassa al cioccolato
100 gr di cioccolato fondente
35 gr di burro
1 cucchiaio di latte

50 gr di granella di nocciole

Procedimento
Questa ricetta della frolla è quella che uso più di frequente, ma voi potete usare la vostra ricetta preferita. Porre in una ciotola capiente uova, burro e zucchero. Amalgamare il tutto velocemente, quindi aggiungere la farina e l’ammoniaca, continuare ad amalgamare ed impastare rapidamente in modo da non far riscaldare troppo l’impasto. Formare una palla, coprirla con della pellicola e porre in frigo a riposare per almeno due ore.

Preparare intanto la crema al semolino. Far bollire il latte con un pizzico di sale, quindi aggiungere a pioggia il semolino e cuocere a fuoco lento fino ad ottenere un composto denso, far intiepidire e quindi aggiungere lo zucchero, l’uovo e la vaniglia, amalgamare e lasciar raffreddare completamente.

Preparare le crostatine. Stedere la frolla e ricoprire uno stampo da 24cm e 6 formine per tartellette, riempire con la crema di semolino e e infornare in forno caldo statico a 180° (elettrico) o a livello 3 (a gas) per circa 25 minuti, fino a quando la frolla sarà dorata.

Preparate anche la glassa, sciogliendo a bagnomaria (con fuoco molto basso e senza far mai bollire l’acqua) il cioccolato, il burro e l’acqua, mescolare fino ad ottenere un impasto liscio e lucido.

Una volta pronte le crostate, farle raffreddare e ricoprire con la glassa al cioccolato e la granella di nocciole.

Ricetta liberamente ispirata alla ricetta di Paoletta, che trovate in originale qui.