Nespolino

Il Nespolino è un liquore semplice da preparare ma molto profumato e dal sapore dolce e forte, dal colore dorato e con un sentore di mandorle, piacevole da gustare sia a temperatura ambiente che ghiacciato.
La ricetta me la insegnò la madre di una mia carissima amica, Cecilia, quai vent’anni fa e da all’ora lo preparo quasi ogni anno. Lo faccio volentieri perchè mi piace anche

 nespolino2

Tempo: 1 ora più 30 giordi di macerazione dei noccioli di nespole
Dosi: ca. 1 lt di liquore finito
Difficoltà: facile

Ingredienti
1/5 lt ml di alcool puro a 95°
180 gr di noccioli di nespole
300 gr di zucchero semolato

Procedimento
1) Lavate i noccioli e levare la “pellicina” (se ne rimangono non è importante, le bucce cambiano solo l’intensità del colore) e ponetele nell’alcool puro a 95° in un capiente contenitore di vetro,  e lasciare macerare per trenta giorni in un posto scuro.

2) Passato questo tempo, eliminare i noccioli filtrando il liquido con un colino molto sottile, specifico per liquori.

3) Nel frattempo, preparate uno sciroppo con 1/5 lt di acqua e lo zucchero facendo bollire l’acqua per ca. 15 minuti, fate raffreddare perfettamente. Mescolate lo sciroppo con l’alcool  preparato in precedenza.

4) Sistemate in una o più bottiglie, filtrando nuovamente; si può bere dopo due settimane di riposo.

La Burrata

BURRATA

La Burrata è un formaggio fresco, caratteristico della Puglia, viene ottenuto da latte vaccino intero e panna.
Presenta gradevole sentore erbaceo lievemente amarognolo essendo avvolta in una guaina di foglie verdi di Vizzo, una pianta spontanea delle colline delle Murge. Il peso varia dai 300 ai 500 gr.

La forma della Burrata è tondeggiante ed è costituita da un involucro di pasta filata che contiene ritagli di pasta filata addizionati a panna e fermenti lattici, La pasta filata è ottenuta dalla lavorazione del latte vaccino a cui viene aggiunto caglio liquido di agnello o capretto. Questi sacchetti vengono poi annodati sulla cima in acqua calda e subito dopo raffreddati in acqua fredda.
La Burrata va consumata da sola ed a temperatura ambiente, al naturale oppure condita da pepe appena macinato e un pizzico di sale.

un’idea per una ricetta saporita: tortino di verdure estive con burrata 

Paccheri baccalà, zucca e limone

Incredible connubio, ma credetemi, davvero indovinato. Il sapore un po’ salato del baccalà con il dolce della zucca ed infine il profumo intenso dei limoni vi incanterá.

Dosi: 4 persone
Tempo: 1 h
Difficoltà: mediapaccheri baccalà zucca

Ingredienti
per il baccalà al limone:
500 gr. di baccalà
pepe nero
timo limoncino
100 ml di olio extravergine di oliva
1 limone
per i paccheri e la zucca stufata:
1 cucchiaio di olio extravergine
1/2 cipolla di Tropea o 1 piccola
500 gr. di zucca gialla
peperoncino fresco
1 limone
sale
per la decorazione del piatto
1 fascetto di prezzemolo
zeste di limone
Procedimento
1) Far cuocere il baccalà in acqua bollente – dove avrete messo un pizzico di sale pepe e di timo – per pochi minuti in modo che il pesce rimanga calloso.
Prendere il baccalà dall’acqua (conservandone una tazza), lasciarlo intiepidire, eliminare la pelle e le spine, e ricavarne dei tocchetti.

2) In una padella antiaderente far scaldare l’olio extravergine di oliva e versarvi il baccalà a tocchetti aggiungendovi la buccia grattugiata di un limone, facendolo rosolare un po’, in modo che in parte si sbricioli nella salsa e in parte resti compatto.  

3) Pulire la zucca dalla buccia e dai filamenti, tagliarla a dadini. Portarla in padella e stufarla con olio extravergine di oliva e la cipolla e l’acqua. Aggiungere il peperoncino, il sale, e un po’ di acqua di cottura del baccalà.
Schiacciare con la forchetta una piccola parte di zucca in modo da rendere cremosa la salsa, lasciando il resto a cubetti.

4) Aggiungere il baccalà rosolato e unire il tutto con la buccia grattugiata di un altro limone.

5) Scolare i paccheri al dente. Saltarli con la salsa di baccalà e zucca.

6) Impiattare i paccheri, aggiungendo un trito di prezzemolo e timo limoncino. Decorare con prezzemolo tritato e qualche zeste di limone tagliata a julienne sottilissime.

ingredienti

Limoni di Sorrento IGP

limoni4

Avendo avuto la fortuna e l’onore di aver lavorato per quasi 10 anni in Penisola Sorrentina ho apprezzato i limoni e le arance del territorio che molto spesso mi regalavano (doppia fortuna!) e così partendo dalle confetture, ho usato  questi agrumi in molte ricette tradizionali, copiate o inventate. 

Il limone di Sorrento nasce in una terra ricca e fertile, con un paesaggio mozzafiato, tra colore, profumo, gusto in una festa dei sensi per questo frutto meraviglioso.

Conosci tu la terra dove fioriscono i limoni…

una mite brezza spia dal cielo azzurro,

La conosci tu, forse?

laggiù, laggiù,

con te, amore mio, vorrei andare.”

(Johann Wolfgang Goethe)

 

il Limone di Sorrento è un agrume locale della specie Citrus Limon (limone comune), di dimensioni medio-grosse (peso non inferiore a 85 grammi), possiede una buccia di spessore medio colore giallo intenso ricca di oli essenziali che la rendono molto profumata. La polpa di colore giallo paglierino è molto succulenta ed il succo caratterizzato da un elevata acidità è ricco di vitamina C e sali minerali. Il Limone di Sorrento è un prodotto che si distingue qualitativamente dai prodotti simili grazie alle sue peculiari caratteristiche ed all’aroma che lo rende tipico della varietà locale,  utilizzato per svariate produzioni e esportato in tutto il mondo. Il limone di Sorrento ha ottenuto il riconoscimento di Indicazione Geografica Tipica (I.G.P.) che protegge e valorizza l’esclusivo e ineguagliabile Limone di Sorrento I.G.P.

Per maggiori informazioni: Regione Campania Assessorato all’agricoltura

Per le mie ricette basta cliccare i tag “limone” o “limoni”, comunque tra le pubblicate:

“marmellata di pesche e limoni” 

“paccheri baccalà zucca e limoni” 

“Crema di mandorle e limoncello”

“Scorzette di arancia e limoni candite”

“Risotto con pere speck e noci”

“Focaccine al limone”

“Polpettine dicous cous al limone”

“Falafel e hummus”

“Limoncello”

“Sospiri al limone”

 “Cheese cake al limone”

“Cheese cake lamponi e more”

Waffle

Ancora Federico in cucina alle prese con ricette di merende dolci e divertenti da preparare. Abbiamo cucinato i waffle con nutella e zucchero a velo. I waffle sono una base neutra che potete decorare come preferite, ma Federico ha ovviamente scelto la cioccolata

waffle

potete vedere il video di Federico che prepara i waffle qui—>

 http://youtu.be/TdKWa5tpxDs

Ingredienti
150 gr farina 00
4 cucchiai di zucchero
1 cucchiaino di lievito per dolci
2 uova
60 gr di burro
200 ml di latte

Procedimento
1) Unire uova zucchero e burro, e montare aggiungere quindi farina lievito e latte e continuare ad amalgamare, fino ad ottenere un composto liscio.

2) Versare il composto a cucchiaiate sull’apposita piastra e lasciar cuocere circa 3 minuti

3) Eliminare i bordi o le parti in più e decorare a piacere, con miele e granella di nocciole, zucchero a velo e cacao o come nel nostro caso con nutella e zucchero a velo.

Mangiare ancora tiepide.

Crema di mandorle e limoncello

Dopo tre mesi ritorno con una ricette semplice ma adatta a questa stagione perchè la “crema di mandorle e limoncello” va gustata gelata!
Il liquore si prepara facilmente con scorza di limoni non trattati freschi e profumati, panna freschissima e latte di mandorle (da preparare in casa ovviamente) ed è ottimo da bere ghiacciato o anche sui gelati.

 crema mandorle e limoncello

Tempo: 30′ più 3 giordi di macerazione delle bucce di limone
Dosi: ca. 2 lt di liquore finito
Difficoltà: media

Ingredienti
500 ml di alcool puro a 95°
6 limoni non trattati
1/5 kg di zucchero semolato
250 ml di panna freschissima non zuccherata
750 ml di latte di mandorla preparato con 100 g di mandorle, un litro di acqua minerale naturale e 100 g di miele

Procedimento
1) Lavate e asciugare i limoni, togliete la scorza stando attente a non prendere la parte bianca, ponetele nell’alcool puro a 95° in un capiente contenitore di vetro,  e lasciare macerare per tre giorni.

2) Passato questo tempo, eliminare le bucce filtrando il liquido con un colino molto sottile.

3) Nel frattempo, preparate il latte di mandorla: eliminate la pellicina esterna dalle mandorle dopo averle preventivamente ammollate per 30 minuti in acqua tiepida. Tritatele nel mixer con poche gocce d’acqua molto fredda, fino ad avere una poltiglia finissima.

Sciogliete il miele nell’acqua minerale naturale, incorporarvi poco alla volta il composto di mandorle. Mescolate bene e lasciate riposare per una mezz’oretta.

Filtrate con un colino e una garza, sistemare il liquido in una bottiglia riporre in frigo.

4) Mettete in una pentola la panna fresca,  lo zucchero e 750 ml del latte di mandorla. Mettete sul fuoco a fiamma bassissima e mescolare, ma non portate  a bollore. Appena lo zucchero è completamente sciolto, fate raffreddare perfettamente.

5) Mescolate la crema con l’alcool al limone preparato in precedenza, amalgamando bene il tutto.

6) Sistemate in una o più bottiglie e riponete nel congelatore. Si può bere già dopo alcuni giorni, agitando il contenuto prima dell’uso.
La crema di limoncello e mandorla va servita freddissima, quella che avanza va conservata in freezer.

“Non c’è amore più sincero di quello per il cibo“. (I’m coming back)

Non c’è amore più sincero di quello per il cibo“. George Bernard Shaw

….I’m coming back….

Torta Sacher

Ripubblico la ricetta della torta Sacher che è tra le mie torte preferite per partecipare al Contest “Happy Birthday Dolcizie”

la Cucina di Marina

Tre ingredienti che si armonizzano perfettamente tra di loro: cioccolata, marmellata di albicocche e ganasce panna e cioccolata, sono i sapori dominanti di questo capolavoro della pasticceria austriaca, divenuta una torta tra le più famose della pasticceria internazionale.
Sacher, sinonimo di torta al cioccolato, delicata e saporita, ricca di cioccolato ma non pesante.

A me piace molto sia nella versione classica che con la marmellata di arance o ancora, con mousse al cioccolato (ricetta che posterò al più presto). Insomma è una delle mie torte preferite in assoluto

Torta Sacher Torta Sacher

Ingredienti 
150 gr di farina 00
150 gr di zucchero
150 gr di burro
150 gr cioccolato fondente
5 uova
Marmellata di albicocche

Per la copertura
150 gr di cioccolato fondente
1 dl di panna liquida
20 gr di zucchero a velo

Procedimento
Iniziate sciogliendo cioccolato e burro a bagnomaria. Montate gli albumi a neve soda con metà dello zucchero e teneteli da…

View original post 178 altre parole

Deco roll: rotolo al cacao decorato

Ci prepariamo per San Valentino? Un deco roll con ganache al cioccolato bianco decorata con tanti cuoricini

la Cucina di Marina

E la moda che impazza da un po’tra i blog di cucina, sono i Deco Roll nati in Giappone e “importati” nella rete. Si tratta di rotoli di pasta bisquit semplici o al cacao farciti di ganache o marmellata o panna e decorati prima di essere infornati.

Le decorazioni variano in base alla fantasia e al gusto personale, io ho iniziato con un biscuit al cacao con dei cuori (ispirati dal mio Federico) farcito con ganache al cioccolato bianco arricchita di panna, e come prima esperienza sono molto soddisfatta, è venuto carino e saporito.

Tempo: 1 ora (preparazione, raffreddamento e cottura)

Dosi: 8 persone

Difficoltà: media

Ingredienti
Per la decorazione
1 albume
30 gr di zucchero
40 gr di farina
20 gr di burro sciolto
per il biscotto
4 uova
100 gr di zucchero
60 gr di burro
60 gr di farina
2 cucchiai di cacao
per la…

View original post 342 altre parole

Noci

Con il termine generico “frutta secca” si indicano i frutti oleosi come noci, nocciole e mandorle. Ognuno di questi frutti ha proprietà particolari, e tutti, se consumati con moderazione, nutrono, rinvigoriscono corpo e mente, proteggono il sistema cardiocircolatorio, il cervello, la pelle, i capelli e i muscoli.

La parola “noce” viene intesa comunemente per indicare la parte commestibile del frutto dell’albero del noce

Una noce (o nucula) è un frutto secco con un seme (raramente due) contenuto in un pericarpo legnoso o coriaceo.

Le noci hanno diversi benefici, e pur essendo ricche di calorie vale la pena mangiarne in quantità limitata:

I Benefici delle Noci

1) Innalzano il Colesterolo Buono, l’HDL

2) Allontanano le malattie cardiovascolari

3) Sono utili contro il Diabete

4) Tengono lontano il Cancro

Noci
Noci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: